Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Ottimo simulatore per microcntrollori PIC16 PIC18
Lun Mag 21, 2012 12:19 pm Da vito_scarcella

» Ripopoliamo??
Mar Gen 11, 2011 1:10 pm Da Daorithos

» I miei disegni
Ven Gen 08, 2010 4:51 pm Da LiciaM5

» Buon 2010 ^^
Ven Gen 08, 2010 4:05 am Da coleman85

» Ciao a tutti
Ven Gen 08, 2010 3:59 am Da coleman85

» Le Nostre Foto
Mer Mag 06, 2009 12:16 pm Da BlaCk_Queen

» Andy Warhol e le sue muse
Mer Mag 06, 2009 12:02 pm Da BlaCk_Queen

» presentazione seria
Sab Gen 10, 2009 3:26 pm Da Ifrit_Progressive

» principessa sul pisello
Gio Gen 08, 2009 4:17 am Da asiram

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Charles Baudelaire

Freelook :: Svago :: Libri

Andare in basso

Charles Baudelaire

Messaggio Da Zarumoth il Lun Lug 21, 2008 2:48 am



tratto da wikipedia:

Nacque dall'unione di Joseph-François Baudelaire, un funzionario amministrativo del Senato sessantenne ex-sacerdote con la passione per la pittura, e la ventisettenne Caroline Archimbaut-Dufays, sposata dal padre dopo essere rimasto vedovo, il 9 aprile 1821 in una casa del quartiere latino, in rue Hautefuille. All'età di sei anni restò orfano del padre, sepolto nel cimitero di Montparnasse. Caroline decise così di sposare Jacques Aupick, un tenente colonnello che, a causa della sua rigidità, si guadagnò ben presto l'odio del giovane Charles.

Nel 1839 fu espulso dal liceo Louis-Le-Grand di Parigi, a causa della frequentazione di cattivi ambienti e del suo stile di vita dissoluto, su decisione del consiglio di famiglia fu imbarcato su una nave diretta in India Paquebot des Mers du Sud. Da questa esperienza nacque la passione per l'esotismo che si rifletterà in seguito nella sua opera di maggior successo: I fiori del male.

Dieci mesi dopo la sua partenza per l'India Baudelaire fa rientro a Parigi dove, grazie all'eredità paterna, inizia una vita bohemien di grande libertà. Nel 1842 si avvicina a Gautier prendendolo a modello sia nell'ambito spirituale che in quello artistico e nello stesso periodo incontra Jeanne Duval con la quale avvia una appassionata storia d'amore che diverrà per il poeta fonte di notevoli spunti letterari.

La vita di Baudelaire intanto si evolveva: prendeva alloggio al centralissimo Hotel de Pimodan sull'isola di Saint-Louis e, frutto della sua repentina celebrità come dandy, aveva il proprio ritratto, opera di Pierre Dufay, nello studio; le tende oscuravano solo la parte inferiore della finestra sulla Senna, così da vedere esclusivamente il cielo. I generosi dispendi economici intaccarono rapidamente la metà del patrimonio paterno costringendo la madre, dietro consiglio del patrigno, ad interdire il giovane ed affidare il suo patrimonio ad un notaio. Fu l'anno successivo che Baudelaire tentò per la prima volta il suicidio.

Il 1846 lo vede esordire come poeta con l'opera "A una signora creola" e, contemporaneamente, collaborare con riviste e giornali attraverso articoli e saggi e critiche d'arte. Passano tre anni e, nel 1848, Baudelaire prende parte ai moti rivoluzionari parigini. Nel 1850 inizia ad amare la musica di Richard Wagner (dopo aver ascoltato il preludio del Lohengrin) e lo scrittore Edgar Allan Poe, a cui dedicherà diversi articoli e personali traduzioni in francese. Il suo impegno giornalistico si determina anche nelle varie critiche d'arte, pagine di grande modernità ed originalità che si fondono profondamente con l'estetica del tempo e con la poetica dei suoi versi.


alcuni aforismi:

- Ci sono tanti tipi di bellezza quanti sono i modi abituali di cercare la felicità.
- La vita della nostra città è ricca di soggetti poetici e meravigliosi. Siamo avvolti ed immersi come in un'atmosfera che ha del meraviglioso, ma non ce ne accorgiamo.
- Per il mercante anche l'onestà è una speculazione.
- O Dio, dammi il coraggio, la forza di guardare / senza provar disgusto il mio corpo e il mio cuore!
- È dal grembo dell'arte che è nata la critica.
- Il dandy dovrebbe aspirare ad essere ininterrottamente sublime. Dovrebbe vivere e dormire davanti a uno specchio.
- Dio è l'unico essere che, per regnare, non ha nemmeno bisogno di esistere.
- Dio è uno scandalo, ma uno scandalo che rende bene.
- Mi sono sempre stupito che si permettesse alle donne di entrare nelle chiese. Che conversazione possono mai avere con Dio?
- Amare le donne intelligenti è un piacere da pederasti.
- Chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere.
- Quei giuramenti, quei profumi, quei baci infiniti, rinasceranno...
- Una passione sfrenata per l'arte è un cancro che divora ogni altra cosa.
- Il lusso, la spensieratezza e lo spettacolo consueto della ricchezza fanno quei ragazzi così belli, che si direbbero d'una pasta diversa da quella dei figli della mediocrità e della povertà.
- Il bambino è turbolento, egoista, senza dolcezza e senza pazienza; e nemmeno può, come il semplice animale, come il cane e il gatto, far da confidente ai dolori solitari.
- Esistono solo tre esseri rispettabili: il prete, il guerriero, il poeta. Sapere, uccidere e creare.
- La gloria è il risultato dell'adattamento di uno spirito alla stupidità nazionale.
- La grammatica, la stessa arida grammatica, diventa qualcosa come una stregoneria evocativa; le parole risuscitano rivestite di carne e d'ossa, il sostantivo, nella sua maestà sostanziale, l'aggettivo, abito trasparente che lo veste e lo colora come una vernice, e il verbo, angelo del movimento che dà l'impulso alla frase.
- Il mondo gira solo per ignoranza.
- Lavorare è meno noioso che divertirsi.
- Il male viene fatto senza sforzo, naturalmente, è l'opera del fato; il bene è sempre il prodotto di un'arte.
- Uomo libero sempre avrai caro il mare!
- O morte, vecchio capitano, è ora! Leviamo l'ancora!
- I profumi, i colori e i suoni si rispondono.
- La Natura è un tempio dove pilastri vivi / mormorano a tratti indistinte parole; / l'uomo passa, tra foreste di simboli / che l'osservano con sguardi familiari.
- L'odio è un veleno prezioso più caro di quello dei Borgia; perché è fatto con il nostro sangue, la nostra salute, il nostro sonno e due terzi del nostro amore. Bisogna esserne avari.
- Ogni uomo in buona salute può fare a meno di mangiare per due giorni; della poesia, mai.
- Il pubblico rispetto al genio è un orologio che ritarda.
- Avrei più ricordi se avessi cento anni.
- Chi non sa popolare la propria solitudine, nemmeno sa esser solo in mezzo alla folla affacendata.
- Ciò che ho sempre trovato di più bello, a teatro, è il lampadario
- C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo.
- Ogni uomo che non accetta la condizione della vita umana vende la sua anima.
- Una sera, nelle bottiglie, cantava l'anima del vino.




avete letto qualcosa? cosa ne pensate?
personalmente ho letto sia i Fiori del Male che i paradisi artificiali, davvero due libri stupendi (soprattutto per chi è appassionato del vino e di chi vuol sapere come era consono assumere hashish nel 1800 °°)

_________________
"Il male viene fatto senza sforzo, naturalmente, è l'opera del fato. Il bene è sempre il prodotto di un'arte." C.Baudelaire
avatar
Zarumoth

Maschio
Numero di messaggi : 20
Età : 27
Località : Hell
Occupazione/Hobby : Straccachiazz
Umore : No
Data d'iscrizione : 10.06.08

Scheda Personaggio
Esperienza:
3/100  (3/100)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Charles Baudelaire

Messaggio Da BlaCk_Queen il Mar Lug 22, 2008 1:49 pm

Charles Baudelaire è stato argomento di studio per me in letteratura a scuola e si è fermata lì la lettura purtroppo. Però ho sempre amato i suoi aforismi. Specialmente quello sull'acqua. Io bevo sempre e solo acqua....perchè cerco di tenermi astemia visto che prima bevevo di tutto! E questo chiamatelo pure "segreto"! Wink Smile
avatar
BlaCk_Queen

Femmina
Numero di messaggi : 216
Età : 29
Località : Riposto/Catania
Occupazione/Hobby : musica, disegno, stranezze, scrivere
Umore : Black!Calma ma non troppo rilassata
Data d'iscrizione : 17.06.08

Scheda Personaggio
Esperienza:
26/100  (26/100)

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

Freelook :: Svago :: Libri

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum